Da Sandro al Navile, una storia… fuori porta

Tra i ristoranti fuori porta di Bologna Da Sandro al Navile ha una particolare storia che forse non conoscete e che quindi dobbiamo assolutamente raccontarvi. Sì, perchè si fa un gran parlare delle osterie  fuori porta di Bologna, ma poi magari nessuno ne conosce le storie o i dettagli.

Ebbene, si dà il caso che la storia di Da Sandro al Navile affondi le sue radici ben 150 anni fa in un borgo molto speciale di Bologna, il borgo Cassarini e Pallotti (che vede in questa foto). In prossimità di questo piccolo centro abitato, vi era il Cortile dei Montanari, che prendeva il nome proprio da quella famiglia che diede origine a ciò che poi sarebbe diventata la celebre trattoria Da Sandro al Navile. Nel 1861 fu proprio Raffaele Montanari che fondò la Trattoria dei cacciatori luogo che divenne presto un punto di riferimento sia per le “buone forchette” del luogo che per coloro che passavano da quelle parti.

Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo Da Sandro al Navile attraversa le generazioni dei Montanari fino a giungere al pronipote Alessandro (sì proprio quello del nome attuale). E’ assieme alla moglie Silvana Cantarelli che Sandro Montanari traghetta la trattoria per oltre mezzo secolo conducendola nel novero dei migliori ristoranti italiani. E’ degli ultimi decenni del 1900 l’incontro poi con Maurizio Finelli e Alessandro Rizzi, a cui verranno passate definitivamente le consegne nella metà degli anni Novanta.

Una piccola grande storia che forse non conoscevate e che ci sembrava giusto raccontarvi. Com’è andata a finire? Venite a trovarci e saremo felici di raccontarvela di persona 🙂

Il ristorante

Tradizione, qualità ed eleganza in ambienti di varie dimensioni e atmosfere. L’ideale per cene romantiche, eventi di famiglia o incontri di lavoro. In un salone separato accogliamo anche gruppi numerosi.

Newsletter

Iscriviti per restare aggiornato sulle novità di "Da Sandro al Navile"

  •